come back home

Premetto che quello che segue non è un pensiero/nostalgia come potrebbe sembrare, anche se tante volte mi piacerebbe che lo fosse.

Da qualche giorno sono tornata a casa mia, Ovada.

mappa-copy.jpg

Ieri sera sono uscita per una pizza con alcuni amici e poi, chiacchierando con Davide, ho iniziato a riflettere sulle mie radici – chiamiamole così.
In effetti quando torno, anche se sempre per poco tempo, mi sento diversa.
Mi sento a casa sì, ma senza i vincoli di chi qui ci vive tutto l’anno.

vista-destra.jpg

E’ una sensazione difficile da spiegare.
Dopo le esperienze a Reggio Emilia, Pesaro e Roma, tornare è un pò come soggiornare in un club benessere.
Tanto verde, poco traffico, facce conosciute e soprattutto le strade.

Mi mancano i nostri sentieri sterrati, le campagne, le colline, poter spingere un pò di più sull’acceleratore…
Domani si riparte per tornare tra una settimana.

E per godersela un pò di più, adesso che non mi sento inghiottita dai tentacoli di un grosso paese dove tutti sanno chi sei.

NOTA: presto altre immagini, tanto per rendere l’idea!

8 Risposte to “come back home”

  1. Carlita Says:

    Quando torno in Sardegna… Non so spiegare i brividi che sento…
    Lo sai che mi sono anche commossa di fronte a Manfrè mentre gli parlavo della mia terra? E lui, da buon siciliano, mi ha dato una pacca sulla spalla e mi ha detto che dopo tanti anni fa lo stesso effetto anche a lui… Che caro!

  2. rigelblue Says:

    stai parlando del mio idolo numero uno.
    you know

  3. mari Says:

    per me invece tornare in abruzzo mi ha fatto un effetto ribrezzo…piacerebbe anche a me sapermi commuovere per la mia terra…ma è come se io e lei fossimo due poli della stessa carica magnetica e quindi finiamo per repingerci…

  4. rigelblue Says:

    mmmhhh… non so spiegarti, anche io scappo in realtà, però ci sono queste piccole cose che mi mancano.
    forse ci sono più cose che persone che mi mancano.

    prenderei ovada, terrei lo stretto necessario (sempre a livello umano) e scrollerei fuori il resto, come se fosse di Lego.

    ma siccome non si può, me ne vado io.
    semplice equazione…
    … insomma quando penso queste cose mi sento in colpa ma non saprei spiegare perchè.

  5. Psalvus Says:

    ogni volta che torno in Sicilia mi sfogo a fare le foto. Rituali di impossessamento.
    Talvolta mi consolo con la webcam statica che inquadra l’etna. Ho una collezione delle foto piu’ belle a seconda della nuvolaglia e dell’ora del giorno.

  6. rigelblue Says:

    Alla fine si è messo a diluviare e ho lasciato perdere.
    La prossima settimana però, quando torno, ritento.
    ma le hai postate queste foto?

  7. Psalvus Says:

    no, credo ci sia il copyright. E poi sono di qualita’ talmente infima…

  8. Carlita Says:

    —>Psalvus: come gli studi sulla cattedrale di Rouen? Alba, mezzogiorno, pomeriggio e sera? Dev’essere…maestoso. Chissà che effetto fa crescere guardando in faccia un vulcano!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: