tokio hotel

Sono sincera, non sapevo neppure della loro esistenza ma oggi pomeriggio – in bagno – Vanity Fair mi ha illuminata.
L’articolo era diretto alle mamme, un modo carino per avvicinarle ai gusti musicali (ma non solo) delle figlie.
In effetti Monsoon, la canzone che li ha lanciati in Italia, è orecchiabile, ti ci affezioni subito.
Eccola.

Penso che se avessi diciotto anni mi piacerebbero un sacco e sarei una loro fan.
Certo il look è stravagante, ma d’altra parte c’è libertà d’espressione, giusto?

tokiohotel.jpg

19 Risposte to “tokio hotel”

  1. Carlita Says:

    E noi italiani che ancora produciamo i Gazosa….

  2. rigelblue Says:

    l’hai praticamente commentato mentre lo postavo!
    miticaaaa

  3. Mari Says:

    come non li conoscevi?fra poco passeranno di moda…

  4. noe Says:

    Io non è che li conosco, ho sentito la canzone che devo dire è carina…ma il videooooo!!!!!Ma che parruccone si è messo il tizio??!!!!poi c’è uno piccolo che mi sembra un pò un nano con i rasta!…non lo so non mi convincono…
    i Take that erano così carini, con le loro canottine di rete traforata…

  5. Carlita Says:

    mah, secondo me questi Tokio Hotel sono delle pigne allucinanti!
    A parte che il cantante ti pone dei seri dubbi persino sulla TUA sessualità, secondo me si drogano troppo!
    E’ vero: i Take That saranno pure stati un po’ gai, ma erano senz’altro più rassicuranti!!

  6. Mari Says:

    io penso che chiamandosi tokio hotel il cantante abbia dovuto riprodurre le sembianze di un manga…
    Lo sapete che cantano in inglese ma non lo conoscono assolutamente?Gli fanno imparare le canzoni ma poi alle interviste rispondono rigorosamente in tedesco. Purtroppo mi è capitato anche di sentirli cantare nella loro lingua originale…non faccio commenti!
    MEGLIO I TAKE THAT APPROVO ;D

  7. rigelblue Says:

    se la mettiamo su questo piano, anch’io preferisco i take that!!! (e poi diciamo la verità…almeno erano innovativi!).
    però questo bill kauliz non mi dispiace.
    certo, se avessi prole in età adolescenziale la cosa mi solleticherebbe un pochino la notte… il suo look ha qualcosa di inquietante – e non mi riferisco all’ambiguità sessuale.

    in effetti riproduce qualcosa di giapponese, forse non esattamente un manga, ma ad Harajuku (il quartiere delle persone strambe a Tokyo, per dirla proprio grossolanamente) si confonderebbe benissimo tra la folla!

    per quanto riguarda la lingua ho letto qualcosa a proposito delle interviste rilasciate completamente in tedesco.
    però la pronuncia inglese non è per niente male!

    d’altro canto per il momento nessuna di noi deve ancora preoccuparsi ma provate a immaginare che faccia avranno i futuri idols (quelli che dovremmo sciropparci per forza e magari anche vedere in concerto😉 )

  8. newyorker Says:

    io pensavo fosse un hotel…

  9. Cherrygrrl Says:

    Lui è un pò tanto Brian Molko (che adoro) solo più cotonato e molto più truccato.(Vogliamo parlare della french sulle unghie? Meglio riuscita della mia!)… mi piacerebbe un sacco (anche solo per il look coraggioso) se non fosse un bambino… bhè, troppo studiati a tavolino, e poi il look dei cinque è troppo eterogeneo…se emo devono essere, che emo siano (tutti).
    Moonsoon è nel mio Ipod.

  10. rigelblue Says:

    ieri mi sono sentita davvero fuori dal mondo.
    e va bene che sono tutta immersa nell’oriente, ma non sapevo neanche che cosa fosse “emo” (sebbene a senso ci si arrivi in ogni caso).
    la canzone mi è piaciuta subito e sì, devo dire che sono perfettamente d’accordo con Cherrygrrl, è bambino (sigh e sob il che significa che io sono GRANDE?!! aiuto!):)

  11. rigelblue Says:

    newyorker, io non ho preso questo tipo di granchio solo perchè sul giornale c’era la foto in bella vista anzi, per essere sinceri, era una specie di confronto tra bill kauliz e un certo efron, un altro idol dei teenager (che conosco per via di hairspray – che però non ho visto).

  12. xeena Says:

    Qui a bolzano vanno alla grande visto che sono germanici e cantano pure in tedesco (meglio ascoltarli in inglese) il look é stravagante solo per l’italia perché da loro sono tutti cosí i ragazzini colorati spontanei direi artistici per niente bamboccioni ma molto avanti…

  13. Carlita Says:

    Giustissimo, Xeena: se c’è una cosa meravigliosa che mi porto dentro di Berlino è il fatto che uscendo per strada ti viene una gran voglia di essere te stesso, di uscire dalla banalità e dagli stereotipi.
    Ho sempre conservato l’impressione che quando uscivo in jeans e maglietta la gente mi guardasse strano. Molto meno strano dell’individuo con la parrucca turchina che viveva col mio amico!

  14. Cherrygrrl Says:

    Anche io, fino a poco dopo la laurea ero stravagante… tutta dark, capelli a cresta biondi e arancioni…aggiungo solo che andavo a spasso con una borsa-cane di peluche arancio sgargiante (con le zampette appese e tutto)… poi mi sono evoluta, crescendo è inevitabile che si cambi, l’impatto con ilmondo del lavoro, anche se non è detto che si possa essere sè stessi anche senza estremizzazioni… comunque adoro tantissimo i ragazzi/e non stereotipati che sanno esprimere la loro personalità e creatività con l’abbigliamento. (I love l’ Harajuku style e le gothic Lolita!).

  15. rigelblue Says:

    come sarebbe tutto meraviglioso se le persone tendessero a pensare ciò che avete scritto nei vostri commenti!
    ogni tanto mi capita di fare questi pensieri globali, ma a ben pensarci credo che rileggendo anche a voi salterà all’occhio…
    e più vi leggo più mi torna forte il desiderio di conoscere, imparare, esperire quindi .. viaggiare!
    grazie🙂

  16. rigelblue Says:

    Cherrygrrl, ma ce l’hai le foto?
    mi hai messo la classica pulce nell’orecchio e ora sono curiosissima!

  17. Cherrygrrl Says:

    Mi sa di sì… dai ti prometto un post con varie versioni di me!

  18. noe Says:

    Ecco, lo sapevo che vi avrebbe intrattenuta con le sue metamorfosi…cmq
    lei di creatività se ne intende, vedrete con i vostri occhi!!

  19. rigelblue Says:

    siiii un bel post di metamorfosi, ottima idea.
    io aspetto!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: