senti come rimbomba il vuoto cosmico?

Dopo aver litigato per un quarto d’ora buono con la piattaforma di wordpress, sono finalmente riuscita a caricare l’immagine. Attenzione: non ho capito come si fa, è successo e basta. Per fortuna ho scoperto di non essere l’unica ad aver riscontrato questo tipo di problema con la nuova versione (grazie Anna per il supporto morale). Incredibile poi che abbia caricato proprio questa immagine, ossia quella di cui meno mi importa, ma ormai eccoci qua. Mica posso rischiare di nuovo!!!
Questi sono i miei muffin, che da vedere non sono poi un granché ma chi li ha assaggiati assicura che sono davvero buoni. La prossima volta proverò la versione bianca, che mi ispira di più.

Questa mattina mi sono svegliata con un cielo grigio che stona con le meravigliose giornate appena trascorse e si adegua al ritmo cadenzato della nuova settimana lavorativa.
La mia esperienza di “ritorno alle origini” – anche se l’ho vissuta più come ritorno alla città che non ho mai considerato casa mia – inizia a svelare qualche intoppo di natura psicologica. Chi pensa che le cittadine di provincia siano terreno fertile per cervelli contenti un grande vuoto cosmico non si sbaglia. Chiaramente non si tratta della maggioranza delle persone, ma la loro presenza spicca all’interno della comunità e intacca temporaneamente l’intero idillio.
Guardatevi bene dal ritornare in luoghi del genere, io possiedo un grande salvagente che è la mia relazione perchè al di fuori di questa non mi importa troppo di niente e di nessuno. Ma se si è soli, o si cerca comprensione in posti come questo, si rischia di cadere e di farsi veramente tanto male.
Ci sono ricordi che tornano a bussare quando meno te lo aspetti, persone che veicolano alla bocca una quantità di fiato esagerata e soprattutto generazioni di malelingue reticenti all’estinzione nonostante gli sforzi di molti poveretti per fermarne l’espansione.
L’ultima l’ho conosciuta poco tempo fa e ancora non ho deciso se ignorarla o trasformare il poco tempo che purtroppo dobbiamo trascorrere insieme in una tortura medievale.
Ora, probabilmente tutto ciò vi sembrerà una specie di sfogo e per certi versi è così, ma la vera natura di questo post è il ricordo. Nonostante io qui stia bene – e ribadisco, solo perchè ho la mia vita con la persona che voglio e con gli amici che ho scelto e selezionato dopo tanti anni di cantonate – devo assolutamente ricordare cosa c’è là fuori e aspettare il momento giusto per spiccare di nuovo il volo.

18 Risposte to “senti come rimbomba il vuoto cosmico?”

  1. annatorc Says:

    E se no a cosa servono gli amici?!😉

    A presto
    Un bacione

  2. http500 Says:

    buona settimana!

  3. rigelblue Says:

    altrettanto😉

  4. cherrygrrl Says:

    Buoni i Muffin! Se li decori con panna, creme e cazzatine varie (tipo riccioli di cioccolata colorati) diventano dei meravigliosi cupcake!!!

  5. rigelblue Says:

    i cup-cake me li sto tenendo per la prossima settimana e perchè non possiedo un robot da cucina (che mi vergogno ad acquistare solo per loro)😉 grazie per la dritta, smack

  6. Carlita Says:

    Bisogna anche ammettere che anni fa, quando ti ho conosciuta, eri una persona diversa, e magari questa gente si è fermata a quella persona… Io preferisco di gran lunga quella che sei ora!

  7. http500 Says:

    buona giornata!😀

  8. rigelblue Says:

    che tipo di persona ero ca? sono curiosa adesso🙂

    Buona giornata anche a te, adoro quel pinguinetto!!!

  9. Carlita Says:

    Beh, eri sicuramente più incostante e meno matura, come me, d’altronde… ma si tratta di una cosa normale… Alla fine, ridendo e scherzando, sono passati più di tre anni! Succede anche a me che quando torno a casa la gente si aspetti di trovarsi di fronte la persona che ero quattro o cinque anni fa, e ci vuole sempre un sacco di fatica per far capire che anche io cresco e maturo! E il bello è che tutte le esperienze che abbiamo fatto ci hanno fatto andare a una velocità maggiore, e ora sono loro che ci sembrano immaturi e leggeri… Ah! Che fatica le città provinciali!

  10. rigelblue Says:

    Sì, questo è indubbiamente vero cara, ma io ti sto parlando di un caso clinico. Sono spaventata!!! Ieri sera volevo guardare la prima puntata di Ally McBeal sul divano con andrea e invece ho dovuto passare la serata a leggere messaggi di una quasi ventenne fuori di testa. E’ pazzesco e per la prima volta, anche se in misura lieve, sto sperimentando il mobbing… Già è triste lavorare 4 ore al giorno per pagare … mhhh vediamo… una bolletta, in più con una che ti fissa e spera che tu fallisca. Sembra un film di fantascienza anzi no, sembra una serie tv tipo Gossip Girl – di quelle che ti piacciono ma a volte ritieni surreali. Non è vero!!! La gente pazza esiste e questa qui che mi è capitata tra i piedi è da oscar. Ora mi ricordo perchè sono fuggita da questo posto… Ma adesso basta, devo caricarmi e andare a farmi sfottere ancora un pò! Bacio😉

  11. Elisa Says:

    Ciao,
    Ho trovato per caso il tuo blog qualche tempo fa e ogni tanto passo a leggerti. Di solito lurko, come si dice in gergo, ma stavolta non ce l’ho proprio fatta a non dirti HAI RAGIONE! Quanto ti capisco e quanto ti condivido…

    Eravamo amiche “da piccole”, ma fondamentalmente mi accorgo solo ora di quanto siano accumunate da tanti piccoli eventi le nostre eventi, tra cui quello più evidente forse è di aver a che fare con il vuoto cosmico di certi cervelletti basso monferrini…

    In bocca al lupo col tuo pollo e complimenti per tutto quello che hai raggiunto finora.

    Elisa

  12. Carlita Says:

    perchè invece non fate un salto a Milano questo weekend? Guarda cosa c’è! http://www.telefilmfestival.com
    Sono quasi emozionata!😀

  13. auryness Says:

    sono d’accordissimo con carlita, ricordo ogni volta che tornavo da pesaro e incontravo i miei amici mi sentivo un pesce fuor d’acqua in mezzo a loro e la cosa era triste xche in fondo, ache se non cambiavano mai e a distanza di msi li ritrovassi a dire sempre le stesse cose, erano pur sempre i miei amici..e anora peggio quando dopo tre mesi a berlino sono tornata a napoli… bhè lì ci si metteva anche la città a non essere ancora cambiata, anzi, semmai la vedevo peggiorata… ma poi ti riabitui(purtroppo!)

    hei ma tu l hai mai fatto un tiramisù per venticinque persone???praticamente un campo da tennis!

  14. rigelblue Says:

    Wow!! allora, da dove inizio?
    Elisa ciao, mi fa piacere che tu abbia lasciato un commento! Non ho capito bene, ma noi ci conosciamo? Non sono riuscita a decidere se “eravamo amiche da piccole” si riferisce a noi oppure a una tua storia personale. Scusami ma sono completamente fusa dalla giornata infinita (iniziata alle sette e finita dodici ore dopo) comunque mi fa davvero piacere sapere che ogni tanto passi di qua. A presto!

    Ca, l’ho letto ieri sera sul sito di mediasetpremium (per la cronaca: ricordi la storia del digitale terrestre e di quanto ero incazzata perchè non funzionava? Bè, ora con la nuova tv funziona alla grande! e mi riguardo gossip girl in attesa della seconda serie – a proposito, complimenti è davvero avvincente come dicevi). ci siamo pensando. MA LO SAI CHE CI SONO BLAIR E NATE COME OSPITI SPECIALI????!! (non ricordo i veri nomi degli attori). si può fare, direi. ci aggiorniamo domani per telefono.

    Aury ma ciaooooo!!! no, mai cucinato per più di tre, anzi l’unica volta (per 4) ero talmente impacciata (è stato più di quattro mesi fa, eh. ci tengo a sottolinearlo😉 ) che gli spaghetti sono rimasti praticamente crudi🙂

  15. sisa85 Says:

    il muffin era squisito! grazie!

  16. Carlita Says:

    ok, io son senza credito… Tenete conto che è in centro! Io sarò lì dalla mattina!

  17. rigelblue Says:

    mmmh… guarda qui è spuntato il sole, caldo e rilassante. credo che se decideremo di muoverci andremo dritti verso il mare o il fiume ca. però tu goditelo, dev’essere fighissimo. venerdi hanno trasmesso la tredicesima puntata di dr house!!! e poi c’è heroes. ah ca, scusa dimenticavo: FOTO DI NATE please, e anche di BLAIR ovviamente. ciaoo

    ciao sisa, non vedo l’ora che tu riesca a imbastire il tuo blog!!! vedrai che buoni quelli bianchi (spero). se me la sento dopo provo a farli. smack

  18. http500 Says:

    Ci penso al libro!😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: